La Madonna delle Grazie e Sant’Efisio, la devozione popolare nel mese di Maggio

Per la religiosità popolare in Sardegna il mese di Maggio è denso di riti, di tradizione, ma soprattutto di devozione: da Sassari a Cagliari, dalla Madonna delle Grazie a Sant’Efisio, vi sono degli appuntamenti fissi che colorano di fede e di folklore le strade delle nostre comunità.

Le origini di questi eventi, pur essendo distanti temporalmente quasi trecento anni l’uno dall’altro, hanno in comune un atto di affidamento e di abbandono speranzoso compiuto in un momento particolarmente difficile della storia, voto che – essendo stato esaudito – deve essere sciolto e rinnovato ogni anno come segno di fedeltà e di gratitudine. Era il 1° Maggio 1656 quando, dopo quattro anni stremanti di epidemia di peste che continuava ad incutere malattie e morti, i cagliaritani chiesero a Sant’Efisio l’intercessione per fermare il morbo. La richiesta fu ascoltata e da allora ogni anno si svolge la festa e la processione con il simulacro del Santo, a partire dalla Chiesa a lui dedicata nel quartiere Stampace del capoluogo fino a Nora, luogo dove la storia ci narra abbia subìto il martirio.

Circa tre secoli dopo, in piena guerra mondiale, l’allora Arcivescovo di Sassari Mons. Mazzotti implorò pubblicamente la Madonna delle Grazie di risparmiare la città dai bombardamenti che minacciavano l’intera zona. Decise, quindi, di trasportare la statuetta dal Santuario di San Pietro in Silki (ove era stata rinvenuta) fino al Duomo, per poterla venerare. La città non subì nessun attacco e nel 1944, una volta decretata la fine della guerra, l’Arcivescovo istituì la festa del voto, come segno di riconoscenza verso la grazia ottenuta. Da allora, l’ultima Domenica di Maggio di ogni anno la statua viene portata in processione per la città e, al termine, viene recitato in piazza San Pietro l’Atto di consacrazione alla Madonna delle Grazie.

Due eventi fortemente sentiti e partecipati da un grandissimo numero di fedeli, organizzati con cura coinvolgendo anche gruppi da altri paesi dell’isola, con feste in piazza, balli, canti e degustazioni, che richiamano alla condivisione e alla coesione sociale e ravvivano ogni anno la tradizione e la fede popolare in Sardegna.

 

In foto – Una passata edizione della festa del Voto alla Madonna delle Grazie a Sassari – Arcidiocesi di Sassari

 

© Riproduzione Riservata - La voce della Società