Fagiolini, legumi depurativi amici del nostro benessere

I fagiolini sono alimenti molto amati e diffusi nella tradizione culinaria italiana. Inseriti perfettamente nell’ambito della dieta mediterranea, questi prodotti della terra sono sinonimo di estate e di bella stagione.

Il periodo di massima produzione va da maggio a luglio, ma in genere è possibile acquistare prodotti freschi durante tutto l’arco della primavera e dell’estate.

I fagiolini, il cui nome scientifico è Phaseolus vulgaris, fanno parte della famiglia delle Leguminose. Hanno consistenza turgida e forma allungata, dritta o curva, e colore intenso, verde, giallo o violaceo, a seconda della varietà. I semi interni, disposti longitudinalmente, hanno colore variabile dal bianco-giallino al verde più o meno intenso. Sono utilizzati nella nostra cucina come classica verdura/ortaggi da contorno, spesso accompagnati ad altri vegetali, come le patate, pomodori e insalate, o ad alimenti di origine animale, soprattutto carni bianche.

Ma i fagiolini non risultano essere solo molto duttili e versatili; infatti, possiedono tantissime proprietà e qualità nutrizionali.

 

PROPRIETÀ NUTRIZIONALI E BENEFICHE PER LA SALUTE

Dal punto di vista della composizione, 100 grammi di fagiolini contengono:

90,5 g di acqua

2,1 g di proteine

2,4 g di carboidrati

2,9 g di fibra

0,1 g di grassi

minerali: potassio, fosforo, ferro, silicio

vitamine A, C, K.

Inoltre:

1. Aiutano a perdere peso, poiché contengono poche calorie, di conseguenza sono un alimento adatto a chi deve seguire una dieta dimagrante o, semplicemente, per chi vuole restare in forma.

2. Equilibrano i livelli di colesterolo nel sangue e contengono, inoltre, acido folico – cioè, la vitamina B9 – utile alle donne in gravidanza.

3. Rafforzano le difese immunitarie, grazie al contenuto di vitamina C.

4. Migliorano la salute dell’intestino per merito delle fibre in essi contenute. Sono indicati per chi soffre di stitichezza: a tal proposito, è fondamentale bere molta acqua.

5. Ritardano l’invecchiamento, grazie al loro contenuto di vitamina A e B6, insieme a quello di fibre e sali minerali, come manganese, calcio, magnesio, potassio, ferro e fosforo.

6. Combattono gastrite, diabete e anemia, per merito del contenuto di ferro e di vitamina K: quest’ultima è, poi, utile anche nella prevenzione all’osteoporosi.

7. Riducono lo stress e vantano proprietà diuretiche eccellenti.

 

CONTROINDICAZIONI

I fagiolini sono alimenti molto salutari e indicati per qualsiasi regime dietetico. Di base non esistono particolari cautele da seguire, se non quelle relative alle quantità e, come sempre, al giusto equilibrio.

In caso di allergie o intolleranze, invece, possono comportare alcuni effetti collaterali, come mal di stomaco e fastidiosi gonfiori. In ogni caso, però, tali reazioni dell’organismo sono veramente rare.

 

COME USARLI IN CUCINA?

I fagiolini si trovano in commercio freschi, surgelati oppure in scatola. Naturalmente, dal punto di vista qualitativo, è sempre bene consumare i fagiolini freschi rispettando la stagionalità.

I fagiolini sono molto versatili, ma ci sono alcuni abbinamenti che ne esaltano le proprietà e caratteristiche. L’aggiunta della menta, ad esempio, potenzia i benefici per il sistema digestivo, mentre il limone fa sì che risultino più efficaci nel contrastare l’invecchiamento della pelle.

L’olio aggiunto a crudo sui fagiolini cotti al vapore oppure lessati favorisce l’azione antiossidante, mentre con le carote formano un mix prezioso per la protezione di occhi, pelle e vista. Infine, una bella insalata a base di fagiolini e pomodori favorirà la diuresi e la depurazione dell’organismo.

 

© Riproduzione Riservata - La voce della Società