Culuccia: Un’isola totalmente green grazie all’enologo Andrea Pala e all’imprenditore Marco Boglione

Un’isola totalmente green, un modello di eco sostenibilità a livello mondiale, un luogo dove i divieti posti a protezione del territorio sono diventati una straordinaria opportunità: è l’isola di Culuccia, prospiciente all’arcipelago de La Maddalena, in quell’angolo di Sardegna capace di regalare bellezza tutto l’anno. Un tempo deserto e abbandonato, oggi questo fazzoletto di terra, 300 ettari affacciati su uno dei mari più belli del pianeta, è diventato un’azienda agrituristica dove si produce persino un vino che si candida a essere un unicum nel panorama enologico nazionale. Proprio qui, dove tutto è ecologico, dove non esiste il cemento, la plastica è bandita e l’energia elettrica è prodotta grazie ai pannelli solari e a un generatore di emergenza. Insomma, l’isola che non c’è esiste davvero.

Merito di Marco Boglione, imprenditore torinese e presidente del gruppo BasicNet, titolare dei marchi dell’abbigliamento per sport e tempo libero, da Superga a K-Way, da Sebago a Robe di Kappa.  Nel giro di qualche anno l’isola (in realtà una penisola sulla costa nordest della Sardegna, tra Porto Pollo e Porto Pozzo) è rinata.

A pochi metri dal mare, sono state ripiantate le vigne per il vermentino Docg di Gallura: grazie alla mano sapiente dell’enologo Andrea Pala (eletto nel 2021 come miglior giovane enologo d’Italia) si produrranno dei vini che a breve saranno imbottigliati: si tratta di due bianchi fermi e di uno spumante realizzato con metodo classico o champenoise.

La prima vendemmia è stata fatta nell’agosto del 2021: in realtà si è trattata di una pre vendemmia con la raccolta di uve non estremamente mature per creare una base spumante. Un processo di vinificazione lungo, con passaggi nei serbatoi di acciaio, durato molti mesi, e una seconda rifermentazione nelle botti. Le bottiglie saranno pronte tra i mesi di marzo e aprile del 2022.

Per l’isola di Culuccia l’imbottigliamento delle prime bollicine sarà un momento davvero importante che andrà ad aggiungersi alla produzione di miele, mirto, gin e all’allevamento modello di ostriche frutto del restauro delle antiche strutture di allevamento dei mitili anche grazie alla preziosa collaborazione con l’Università di Sassari.

La straordinarietà di quanto accade a Culuccia, nota anche come isola delle vacche, deriva dal fatto che, come spiega l’enologo Andrea Pala, “il vigneto si trova a pochi metri dal mare, praticamente sulla sabbia, e non ha alcun sistema di irrigazione. Le piante crescono adattandosi e seguendo le condizioni climatiche della zona, in modo del tutto naturale. E non potrebbe essere altrimenti nell’isola più green del Mediterraneo, tra le più eco sostenibili nel mondo”.

 

 

© Riproduzione Riservata - La voce della Società