Volti di donne: La figura di Grazia Deledda

Grazia Deledda nacque a Nuoro, in Sardegna, nel settembre del 1871. Apparteneva a una famiglia benestante ed era la quinta di sette fratelli e sorelle. Ebbe un’istruzione scolastica senza però completarla, la sua formazione proseguì infatti tra le mura domestiche, prima sotto la tutela della madre, in seguito, con l’aiuto di un professore e infine da autodidatta. Le sue prime pubblicazioni arrivarono quando non aveva ancora 20 anni. Pochi anni dopo, nel 1899, conobbe il mantovano Palmiro Madesani, che sposò pochi mesi più tardi.

La Deledda esordì giovanissima pubblicando i suoi primi lavori su riviste e giornali. Nel 1900 si trasferì a Roma, città in cui presto si affermò come una delle voci più autorevoli sulla scena letteraria. La critica la avvicinò ad autori del calibro di Hugo, Dostoevskij e Verga.

Fu autrice prolifica di romanzi e racconti, tra i quali si annoverano “Elias Portolu”, “L’edera” e “Canne al vento”. Dall’opera “Cenere” fu tratto l’omonimo film interpretato da Eleonora Duse. Negli anni venti e trenta la sua fama si consolidò anche all’estero. 

Grazie ai  toni cupi e l’ansia di liberazione delle sue opere, le storie di passioni che raccontò nei suoi romanzi fecero breccia nella critica, anche all’estero, e il 10 dicembre 1926 arrivò la consacrazione più alta per uno scrittore, il conferimento del premio Nobel per la letteratura, per la sua potenza di scrittrice, sostenuta da un alto ideale, che mostrò la sua isola natale e che con profondità e con calore trattò problemi di generale interesse umano. Fu la seconda donna al mondo e unica autrice italiana nella storia a ricevere il Nobel per la letteratura. Morì a Roma a causa di un tumore al seno nell’ agosto nel 1936.

La volontà ferrea con cui ha condotto la propria vita, la lucida lungimiranza dei suoi obiettivi e il continuo abbeverarsi ad una cultura intrisa di saldi valori umanitari ne fanno una Donna di viva attualità che ha molto ancora da suggerire per il futuro e l’indipendenza delle donne.

 

Riproduzione Riservata

 

© Riproduzione Riservata - La voce della Società